L’infinito in Matematica non esiste!

Il motivo per cui non riusciamo a capire il senso della vita fino in fondo, è perché pensiamo erroneamente che si debba scegliere fra un estremo e l’altro.

In questo articolo proverò matematicamente l’esistenza sia dell’infinito che del finito.

L’intero universo è finito o infinito?

Partendo dal presupposto che il numero 0 esiste ed è in grado essere in relazione con la realtà: se applicassi operatori infiniti ad un qualsiasi numero, comparirebbe ad un certo punto ed in maniera casuale lo 0.

Se quindi facessimo tutte le somme possibili, tutte le sottrazione, divisioni e moltiplicazioni ad un certo punto il risultato sarebbe 0.

Quindi l’esistenza o l’universo sono finiti?

Non proprio… Per ora abbiamo capito che non appena ci affacciamo verso l’infinito la possibilità che tutto si fermi c’è.

Ex.: 1+3=4÷2=2+9=11×4=44×10=440-6=436÷100=4,36×0=0

Arriva quindi un momento in cui si torna alle origini. Una specie di reset.

Dall’ 0 poi si esce solo con una somma… Strano vero?

La risposta quindi alla domanda è che esiste un tempo finito, all’interno di un tempo finito ancora più grosso, all’interno di un tempo finito ancora più grosso e via via… Nel momento in cui si tende verso l’infinito, vi sarà sempre la probabilità sempre più frequente che spunti uno 0 su una moltiplicazione.

È evidente quindi che non appena si prova ad applicare o a percorrere la via dell’infinito, questo causi un interruzione dell’infinito stesso creando un paradosso:

L’infinito esiste solo se non lo cerchi. Nel momento in cui vuoi cercare ed affermare l’infinito, esso si autoterminerà facendo ricominciare la tua ricerca.

Ecco perché in matematica l’infinito non esiste…

E tutti i matematici che affermano il contrario, dovrebbero considerare che l’infinito diventa irraggiungibile con la matematica tradizionale. In quanto ad un certo punto il numero 0 come moltiplicatore comparirà resettando tutto.

Lascia un commento