1.2. Marketing – Cosa è la Pubblicità?

Nel marketing è utilizzata molto la pubblicità. Più che “pubblicità” oggi si potrebbe definire come “possibilità di raggiungere” persone in Target.

Senza comunicare con il tuo possibile cliente, non potrei arrivare mai a lui.

Raggiungere un target ben definito e “martellarlo”, è piuttosto costoso e complicato. Ecco perchè se non lo farai te per te stesso, nessuno lo farà per te!

In genere, per martellare intendiamo una costante e giornaliera comunicazione. La comunicazione che martella è quella che non sparisce mai… che tutte le volte si presenta uguale a prima nel suo contenuto ma non nella forma. Ogni volta che ricerchi e navighi nel web , nei giornali, nella tv, sul tuo smartphone, compare la comunicazione che martella, martella, ti ripete sempre lo stesso contenuto utilizzando forme nuove e creative, talvolta surreali

Prova a rispondere a questa domanda:.

Che comunicazioni nella tua vita non si ferma mai?

Domanda errata!

Cominciamo invece con capire quali sono gli “oggetti tecnologici o no” da cui ci arrivano informazioni:

  • smartphone
  • telefono
  • pc
  • tablet
  • orologi
  • auto
  • cinema
  • giornali
  • libri
  • sport
  • idoli
  • tv nazionale
  • serie TV
  • persone che utilizzano questi “oggetti”

Questi sono i mezzi… ma i contenuti quali possono essere?

Tutti… veri o falsi. L’informazione falsa in realtà non esiste… in quanto l’informazione è informazione e il suo effetto è quello di informare o formare l’altro. 

Ne deriva quindi che l’informazione, come nel gioco del passaparola, può essere trasmessa, corretta o no (in buona fede) o sbagliata in modo consapevole o volontario (manomessa).

Come si può considerare quindi una fakenews?

CAPIAMO NEL PROSSIMO ARTICOLO COME GENERARE UNA FAKE NEWS

Il marketing quindi è la pianificazione e messa in atto di una serie di azioni utili ai fini della vendita e del profitto. Grazie a campagne di marketing mirato o campagne di marketing lente ma costanti è possibile posizionarsi nella mente del consumatore diventando un riferimento per lui nel momento del bisogno.

Il bisogno andrà quindi solo stimolato…

Lascia un commento