Il Rischio

Avvio di un service di stampa 3D in Italia.

Prima di avventurarmi nel mondo della Stampa 3D, in particolare nel mondo del Service di Stampa 3D, il mio lavoro era quello l’Agente di Commercio.

Essere Agente di Commercio, prevede sicuramente avere una visione a lungo termine, oltre che determinazione nell’ottenere l’obiettivo e un’ottima capacità di trattare con le persone…

Ero quindi già abituato a investire tempo e denaro nell’ottica di guadagnare in un futuro nel medio/lungo termine; avevo anche già aperto la mia partita IVA e capito che, se qualcosa si vuol guadagnare, inizialmente dei sacrifici devi fare! 🙂

Mai però credevo che la strada fosse così lunga e piena di sacrifici… Da agente, avendo avviato più volte la vendita per altre aziende, credevo che il lavoro da fare fosse solo vendere!

Cominciai quindi la collaborazione con Fabula 3D, ancora non mia allora. Conobbi i 2 soci fondatori ed il loro “dipendente”, cominciai a muovermi fra le Aziende sul Territorio Bresciano. Chiamavo, fissavo appuntamenti, raccoglievo ordini, ma con scarsi risultati dal punto di vista dell’utile.

Nonostante trovassi persone interessate all’acquisto di prodotti fatti con le stampanti 3D, mi scontrai poi con la gestione bizzarra del Service, con gli alti costi di stampa e degli impianti, con i ritardi inconcepibili e l’alta fallibilità tipici della produzione additiva a filamento.

Mi scontrai quindi con un Cliente tipo che aveva bisogno di oggetti e pezzi stampati con le stampanti 3D, ma non era disposto a pagare la cifra necessaria per sostenere un Service di Stampa Strutturato come allora.

Eravamo verso la fine del 2014 ed inizio 2015, quando decisi quindi di avventurarmi nell’Impresa.


Attenzione, il commento per questo Blog è importante. Non ti chiedo in modo diretto Donazioni, ma semplicemente un commento reale in cui mi dici cosa ne pensi dell’argomento trattato 😉

Grazie

Lascia un commento